Viaggio Nel Mondo

Valle Isarco

Valle Isarco, Sci Dolomiti

Sci in Valle Isarco – © Foto Plose Ski AG

Corre immersa nel verde, tra boschi incontaminati. Ad est si stagliano contro il cielo le cime delle Dolomiti, dei Monti Pallidi dell’Alto Adige, in Val Gardena e in Val Pusteria. A Occidente le Alpi Sarentine che portano verso Merano. La Valle Isarco è una delle due principali valli altoatesine, fondamentale via di comunicazione verso nord, verso la vicina Austria, tramite il passo del Brennero. Terra di confine e di passaggio, patria dei popoli ladini e ormai in odore di terra straniera.

Ponte Gardena è il suo collegamento con le altre vallate, Bressanone il suo cuore pulsante, la città attorno a cui ruota la vita della valle, Vipiteno l’accesso all’Alta Valle Isarco, l’area del Wipptal, una zona a parte, selvatica e fredda. La Valle Isarco è bella, perché lontana. Una vallata, appunto, più di passaggio che di permanenza. Ignorata in gran parte dal grande turismo, intimamente autentica, verdissima, ricca di tradizioni che hanno poco di italiano, ma che proprio per questo ci arricchiscono.

E poi, ovviamente ci sono i monti. Con i monti viene la neve. E questa porzione di Alpi, appena a ridosso delle Dolomiti non è avara di occasione per praticare gli sport invernali e per passare una splendida vacanza sugli sci. Il centro Colle Isarco di Ladurns è una piccola e familiare località a poca distanza dal Brennero, praticamente sul confine. Poche piste che attraversano i panettoni del Colle e la sensazione di sciare davvero fuori dal mondo. Senza contare la bellezza del paesino tradizionale di Ladurns.

Racines non è molto diversa. Natura incontaminata, relax e silenzio per una stazione sciistica di medie dimensioni. E, in aggiunta, un vero e proprio paradiso per chi pratica lo sci di fondo, grazie agli anelli e ai percorsi di Ridanna. Vipiteno non è solo la patria dello yogurt, ma anche dello sci per principianti. Monte Cavallo, a soli cinque minuti dal paese, è una stazione sciistica d’altri tempi. Solo due impianti di risalita, piste medie e facili. Ideale per gli sciatori in erba in cerca di quiete, ottimo cibo, atmosfera magica e servizi per i bambini, tra cui una delle piste per slittini più note dell’Alto Adige, illuminata anche di notte.

A Plose, invece, lo sci inizia a fare sul serio. La prima delle due stazioni della Valle Isarco ad essere inserita nel comprensorio Dolomiti Superski, è una stazione di medie dimensioni con alcune piste impegnative e un paio decisamente famose, servita da nove impianti di risalita modernissimi, come da consuetudine altoatesina. Piste decisamente lunghe, tra cui la Plose, di olre due chilometri, la Schonboden e la Trametsch, che da tempo fanno la gioia degli sciatori di Bressanone, a due passi, e di tutti i visitatori.

Infine Gitschberg, ai piedi del Gitsch o Monte Guzzo, è una stazione davvero per tutti i gusti. Un altipiano panoramico, splendido belvedere sulle Dolomiti Settentrionali e sui monti austriaci; e ancora un campo scuola vario e ampio con tracciati semplici e soleggiati, e un’area per i più esperti grazie ai muri impegnativi delle piste nere del Monte Guzzo.

,